Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

Sapor d’Irlanda,
idillio sgorgante
di magico mistero,
a te io porgo
questo mio umile saluto.

Terra rossastra
di fiere alture
e verdi colline,
tu che respiri
prati e radure
protetta dall’abbraccio
di fiorenti scogliere
mentre fiocchi di spuma
cingon d’orgoglio
la tua corona
intarsiata.
Irlanda
dal cuor di smeraldo
tu che amorevole,
da lontano,
mi sorridi.

Ed ecco dal cielo
il chiaror
d’una luce amica
giocare ingenuo
tra riccioli di nuvola;
beffandolo allegro
discende luminoso.
Danza in cerchio
un’armonia
di petali sovrani:
veste di fortuna
monete e tesori.

Che dolce incanto
vederti riflessa
in questo mare di cristallo.
S’accasciano stremate
le onde sulla costa,
laddove, insieme,
il mio sguardo s’infrange
perso nel rosso dipinto
d’un nuovo tramonto.

Luce, Tempo ed Acqua
e si spegne l’orizzonte.

Maestoso s’eleva
il canto dei celti,
lassù in alto
è già apparso
un quadrifoglio
lungo i sentieri
dell’arcobaleno.

Inspiro profondo,
ora ti sento,
corri leggiadra
lungo la riviera.

Sapor d’Irlanda,
idillio sgorgante
di magico mistero,
a te io porgo
questo mio umile saluto
e tu, ancora,
non hai smesso
di sorridere.

Sorridi
Irlanda,
terra verde
di speranza.

Paolo Muccio