Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

La notte ci porge le
sue bende dopo
averci braccati e feriti

Ci siamo assopiti sopra
una lacrima che
brucia ancora come
le viscere dell’Etna

Rincorsi come animali incompresi
coi volti
scavati dal perdono

tra passi confusi tra
mille eclissi di luna
-e ci troviamo ancora
ancora una volta-

Come vestali tradite
ci riconosciamo nell’altra
parte del sentire
annuendo alle docili
ali del caos
E sotto questo nuovo angelo
brancoliamo fra le ore cieche
poi…

distesi e inconsci ci
inarchiamo dentro le
pallide piume delle nostre vene

La nostra gioia ci
sfianca –immensa- di paura
e nella deforme sera
ci acquattiamo stanchi dentro
i forti suoni dell’anima

Pieni delle contraddizioni del
divenire ci incontriamo in
questo fiume antico che
ci tiene in vita
dentro la nostra inafferrabile notte.