Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

Te guarde quanno chiove
te guarde ‘co Sole
te guarde ‘ca luna
che stelle
quanno ‘e nuvole se fanne assaje, assaje
e nce scumpare ‘o sole.
Me piace sempe
me piace ‘a matina
quanno ‘o mare a vote calmo a vote mosso
te dice, bbòna jurnata piccerè
e tu ca vive n’ata jurnata cumme poche
bella,janca, pure ‘a neve
te fa cchiù bella sta muntagna toja
e ‘na fenesta affacciate ncoppo ‘o mare
‘e Marechiaro sente a sempe ‘e voce ‘de serene.
Tre figlie toje cchiù piccerelle
ca ‘e guarde ‘da luntano
cumme ‘na mamma fa che criature a mmare
te diceno stamme ccà,nun te preoccupà,
sì oggi ‘o mare è tempestuso
ma nuje sapimme stà pure accussì.
E chella preta ‘e tufo enorme
ca sponta a miezo ‘o mare illuminato
ca è ‘o Castel dell’ovo
regala n’emozione ca nun se po’ spiegà.
Sì bella,ma accussì bella mammà ,
si te chiamme mammà
cumme fa chi te vò bene overo
chi te rispetta senza te trattà male
senza spurcarte cu carte pe terra
e senza tenè scuorno
guardanne chesti piazze,
sti vicule stritte
cumme sti lacce ca me ‘ncatenane a te
e nun me ne fanno partì luntane.
Sì mamma,nnammurata e malatia ‘pe sempe
Sì Napule, forse…..
‘o primmo e vero ammore mije…

Salvatore Pasquale