Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

… E FACEVANO PRUGGETTE! – … E FACEVANO PROGETTI!

Teneva vint’anne, ‘nu diploma ‘e raggiuniera,                                       Teneva vent’anni, un diploma da ragioniera,
cercava ‘nu lavoro pe’ jesse indipendente.                                              Cercava un lavoro per sentirsi indipendente.
L’aveva ditte attuorno a cunuscenti e amici,                                           Aveva messo voce tra conoscenti e amici,
aveva mise pure ‘n’annuncio sul giornale …                                            veva messo pure un annuncio sul giornale …

Certamente nun sperava e ce riuscì int’a niente!                                    Certamente non sperava di trovarlo subito!
Cu ’o ‘nnammurato diceva:                                                                          Col fidanzato diceva:
“Quase nun me pare overo!”.                                                                      “Quasi non mi sembra vero!”.

… E facevano pruggette, ogni sera, sott’ ’a luna: …                                  E facevano progetti, ogni sera, sotto la luna:
“ Forse n’anno po’ abbastà                                                                           “Forse un anno potrà bastare
pe saglì ‘ncoppe ‘a ‘llaltare!                                                                            per salire sull’altare!
Sarrà ‘a ‘cchiù bella festa,                                                                               Sarà la più bella festa.
cu ’e pariente e cu ‘llamicie!”                                                                         con parenti e amici!”.
Suspiravano chillu juorno, cu tanta impazienza.                                      Sospiravano quel giorno, con tanta impazienza.

Avevano deciso, pe’ ‘lloro <‘a primma vota>,                                            Avevano deciso che per loro “la prima volta”
sarebbe stato sule doppe mise ‘o velo ‘e sposa!                                         sarebbe stata solo dopo aver messo il velo di
sposa!

Si bella ‘a vint’anne, si fresca e chiene ‘e vita,                                            Sei bella a vent’anni, fresca e piena di vita;
truvato ‘stu lavoro s’alluminava ‘o munne!                                                 trovato quel lavoro, le sorrideva il mondo!
Ma chillo ca crereva ‘nu frato, n’amico …                                                    Ma quello che credeva, un fratello, un amico …
a vulette fa <d’a soja>, ‘na sera, dint’a l’ufficio!                                         volle , una sera, dentro l’ufficio!

Chi ‘o sape si penzava ‘o male che le faceva,                                               Chissà se pensava al male che le faceva,
a stracciarle ‘e vestite, a impedirle d’a alluccà!?                                         a strapparle i vestiti, a impedirle di gridare!?
Cu ‘o tagliacarte ‘nganne, minacciava ‘e l’accirere,                                   Tagliacarte alla gola, minacciava di ucciderla,
si nun avesse ceduto alle sue porcherie!                                                      Se non avesse ceduto alle sue porcherie!

E stennuta pe’ terra comme fosse n’animale, …                                         E stesa per terra, alla stregua di un animale,
indifesa ‘a subbiva chell’assurda violenza!                                                   indifesa subiva quell’assurda violenza!

Sulamente ‘cchiù tarde diceva cu ‘o guaglione:                                           Solamente più tardi diceva col fidanzato:
“Jamme ‘nzieme ‘a caserma,                                                                            “Andiamo insieme alla caserma,
o l’accire cu chesti ‘mmane!?!”.                                                                       oppure l’ammazzo con queste mani!?!”.