Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

Salvatore Pasquale

È notte,
e sti penziere volano
tra suonne perzo e fantasie ‘e pueta
e ‘o suonno ca nun vene.
C’è sta tanta silenzio
ca se sente ‘o rummore d’’o core
ca ‘mpietto sbatte
e nce regala ‘a vita.
Musica doce c’accumpagna sti penziere
anema libbera e vulà
tra suonne e verità
e t’abbanduone a chesta notte de malincunia.
‘O core mije
Tene ‘na forma sola
Chille e l’ammòre
E si l’astrignne forte,fa rummore.
‘O rummore d’’o core….

Salvatore Pasquale

Te guarde quanno chiove
te guarde ‘co Sole
te guarde ‘ca luna
che stelle
quanno ‘e nuvole se fanne assaje, assaje
e nce scumpare ‘o sole.
Me piace sempe
me piace ‘a matina
quanno ‘o mare a vote calmo a vote mosso
te dice, bbòna jurnata piccerè
e tu ca vive n’ata jurnata cumme poche
bella,janca, pure ‘a neve
te fa cchiù bella sta muntagna toja
e ‘na fenesta affacciate ncoppo ‘o mare
‘e Marechiaro sente a sempe ‘e voce ‘de serene.
Tre figlie toje cchiù piccerelle
ca ‘e guarde ‘da luntano
cumme ‘na mamma fa che criature a mmare
te diceno stamme ccà,nun te preoccupà,
sì oggi ‘o mare è tempestuso
ma nuje sapimme stà pure accussì.
E chella preta ‘e tufo enorme
ca sponta a miezo ‘o mare illuminato
ca è ‘o Castel dell’ovo
regala n’emozione ca nun se po’ spiegà.
Sì bella,ma accussì bella mammà ,
si te chiamme mammà
cumme fa chi te vò bene overo
chi te rispetta senza te trattà male
senza spurcarte cu carte pe terra
e senza tenè scuorno
guardanne chesti piazze,
sti vicule stritte
cumme sti lacce ca me ‘ncatenane a te
e nun me ne fanno partì luntane.
Sì mamma,nnammurata e malatia ‘pe sempe
Sì Napule, forse…..
‘o primmo e vero ammore mije…

Salvatore Pasquale

È strano ,come,
da un giorno all’altro
la vita può improvvisamente cambiare.
E puoi trovarti anche solo,
solo in una stanza
dove non senti più i rumori
e non vedi più la luce del sole.
Una stanza per compagna
mille pensieri volano
e dolore dentro l’anima.
Il telefono non squilla
il tempo non passa
e la notte sembra una strada senza uscita.
Solo nella stanza
non sapere se è notte o giorno
non vivi come tutti gli altri
non sapere se domani sarà ancora umano
o uno scarto di questa vita.
Solo nella stanza.

Salvatore Pasquale