Crea sito
Get Adobe Flash player
Questo sito è ottimizzato per la navigazione con browser Mozzilla Firefox. Chrome e Opera lo visualizzano bene mentre Internet Explorer si perde il bello della grafica.
Buona navigazione.

Antonio Covino

Cercanno dint’’o stipo d’’e ricorde
proprio nfunn’a nu viecchio tiraturo
truvaje attaccato cu’’nu piezzo ‘e corda
dduje penziere nfezzate dint’’o scuro.

‘Sti penziere nun erano perzone,
manco ‘nu posto o pure ‘nu paese,
sentevo però forte ‘n emozione
ca me lassaje a penzà quase npalese.

Ma pe’ capì sciugliette ‘o cap’’e spavo
ca teneva attaccato ‘stu pacchetto,
‘e llacreme ca mammema chiagneva
se spannetteno p’’o funno d’’o tiretto.

Ogni llacrema, chi sa pe’ qua’ mistero,
ca pe’ mme aveva chianto mamma mia
‘a quanno nascette e ancora fin’a jere
ca se ne jette ‘ncielo addu Maria,

addiventajeno tutte facce ‘e sante,
chiammate certamente pe’ ‘nu vuto,
priate tanti vvote mmiez’’e chiante
p’’e ggrazie ca nun aggio maje avute.

Ma ‘stu dulore ca sentette dinto,
penzannece fuje meglio ‘e nu piacere
‘sti lacreme ca fujeno tante e tante
‘e mammema era ognuna ‘nu penziero.

E me scetaje d’’o suonno a uocchie apierte
ca fissavano ancora ‘stu tiretto,
‘na voce me chiammava ‘a for’’a porta
e dint’’o stipo sule fazzulette.

Traduzione:
Frugando nello stipo dei ricordi, proprio in fondo ad un vecchio cassetto
trovai legati con una cordicella due pensieri infilati nel buio.
Questi pensieri non erano persone, ne’ posti e nemmeno un paese,
avvertivo però forte l’emozione che mi lasciò pensieroso lì in attesa.
Ma per capire sciolsi lo spago che teneva legato quel pacchetto,
le lacrime piante da mia madre si sparsero nel fondo del cassetto.
Ogni lacrima, chi sa per quale mistero, che per me aveva pianto la madre mia
da quando nacqui e ancora fino ad ieri che salì in cielo da Maria,
diventarono tutte volti di santi, chiamati certamente per un voto,
pregati tante volte in mezzo ai pianti per le grazie che non ho mai ricevuto.
Questo dolore che sentii dentro, pensandoci fu un piacere forte,
le lacrime, che furono tante e tante, di mia madre ognuna era un pensiero.
E mi svegliai dal sonno ad occhi aperti che fissavano ancora il cassetto,
una voce mi chiamava fuori dalla porta e nello stipo soltanto fazzoletti.________________

Vanna, quegli occhi profondi
che guardano il mare,
vorresti alzare la gonna
e navigare.
Come spiegare le vele
in favore di vento
andare incontro all’orizzonte
dove si perde il tempo.
Per correre le rotte
che ti sono state precluse
dalla vita che spinge
incessante
contro le tue ferite,
che ti tiene attraccata
a una bitta lì ferma sul molo
da sempre seduta in attesa
di lasciare quel suolo.
Vanna dagli occhi profondi
che cercano il mare
vorresti levare la gonna
per portare l’amore.